info[@]tuv-thuringen.it   +39.0521.805715
FIAP occorre sapere le proprie potenzialità e i propri limiti
28 Giu

FIAP occorre sapere le proprie potenzialità e i propri limiti

Buongiorno Ing. Pini,

innazitutto grazie per aver acconsentito a questa intervista. Intanto ci può indicare qual è il settore merceologico di FIAP Lavorazioni Plastiche e farci una breve descrizione della vostra storia aziendale? 

FIAP occorre sapere le proprie potenzialità e i propri limiti

FIAP: Fiap è nata 50 anni fa. Ha iniziato come molte aziende nel settore dei tubi in plastica per l’edilizia. Poi si è, man mano, specializzata in settori diversi ed oggi è ad esempio leader in Europa nella produzione di anime in plastica per il settore dell’imballaggio

TTI: Quali sono, all’interno di FIAP, i processi chiave su cui si basa la vostra strategia aziendale?
FIAP occorre sapere le proprie potenzialità e i propri limitiFIAP: Fiap produce, per estrusione, diversi materiali: PVC, PP e HDPE partendo da materiali vergini o riciclati. Per il nostro cliente è fondamentale la costanza di performance.  Presidiamo con particolare attenzione il processo di acquisto delle materie prime e il controllo di processo.

TTI: Quali stili manageriali e modelli di leadership vengono adottati dai vostri dirigenti?

FIAP: Fiap è la classica PMI italiana che è riuscita a vincere sui mercati esteri. Siamo nei fatti un’azienda “Lean”. La sfida è riuscire a fornire prodotti e servizi di alto livello attraverso l’attenzione costante ai costi e all’efficienza. Crescita costante ma sana e sostenibile.

TTI: Il sistema economico globale ed in particolare quello italiano sono mutati negli anni, quali sono le opportunità e i rischi che lei riscontra nel mercato attuale?

FIAP: si assiste a una polarizzazione tra “grandissimo” e “piccolo”: chi è nel mezzo fa molta fatica. Per chi come noi presidia una nicchia di mercato è fondamentale lavorare costantemente su tre fronti: essere al top per produttività, sperimentare sempre nuovi prodotti, presidiare il mercato con la cura dei clienti storici e la ricerca continua di nuove opportunità. FIAP occorre sapere le proprie potenzialità e i propri limiti

TTI: All’interno del vostro sistema che ruolo ricopre la certificazione. Quali sono i vantaggi che avete riscontrato adottando gli standard ISO 9001 e ISO 14001?

FIAP: direi molti. È stata una formidabile “forzante” per strutturare i nostri processi e ci ha permesso anche di imparare delle “buone pratiche” che abbiamo cercato di fare nostre. Da subito abbiamo deciso di vedere la certificazione non come un “bollino” ma come un’opportunità. Ci siamo presi i nostri tempi ma il miglioramento costante ci sta premiando.

TTI: Analizzati tutti i diversi aspetti della realtà aziendale di FIAP e considerando le strategie aziendali che avete adottato, quali suggerimenti ritiene di poter dare ai suoi colleghi da qui a cinque, dieci anni?

FIAP: Io dico sempre che un’azienda deve fare quello che è brava a fare e sapere dal primo all’ultimo dei propri dipendenti quali sono i propri “vantaggi competitivi”. Qualsiasi cosa si faccia occorre sapere le proprie potenzialità e i propri limiti. Il mio lavoro e il mio augurio è che FIAP mantenga la consapevolezza della propria forza, della propria storia e questo la aiuti ad affrontare le sfide che ogni giorno il mercato ci lancia.

Comments are closed.

Corso Eguaglianza, 4 - 43044 Collecchio - PR - IT - 0039.0521.805715 - info[@]tuv-thuringen.it