info[@]tuv-thuringen.it   +39.0521.805715
Pubblicazione della norma ISO 9001:2015
17 Nov

Pubblicazione della norma ISO 9001:2015

2012_iso-logo_printPubblicata la Norma ISO 9001: 2015  il 15.09.2015, a partire da questa data ha inizio il periodo di transizione di 3 anni durante il quale sarà possibile adeguare il sistema di gestione per la qualità ai requisiti della nuova norma.

I certificati in essere potranno essere aggiornati alla ISO 9001:2015 durante:

• audit di sorveglianza, nel qual caso i tempi di verifica saranno incrementati del 20% (con un minimo di 0.5 gg uomo on site);

• audit di ricertificazione, nel qual caso i tempi di verifica saranno incrementati del 10% (con un minimo di 0.25 gg uomo on site);

• audit straordinario di transizione (relativamente al quale dovrà essere prodotta specifica offerta).

I certificati emessi secondo la ISO 9001:2008 dovranno essere convertiti alla ISO 9001:2015 entro i tre anni del periodo di transizione; la loro validità cesserà il 15.09.2018,  dopo il 31.08.2017  non sarà possibile a TÜV Thüringen e.V. rilasciare nuove certificazioni secondo la norma ISO 9001:2008.

L’Ente di Certificazione TÜV Thüringen e.V. ha ottenuto dall’Ente di AccreditamentoDAKKS la conferma dell’Accreditamento e può effettuare certificazioni o ricertificazioni secondo la norma ISO 9001:2015.

Le variazioni rispetto alla norma ISO 9001:2008, già emerse nel draft ISO/FDIS 9001:2015 (E) sono state confermate nell’edizione definitiva.

Di seguito riportiamo una sintesi dei principali cambiamenti:

High-level structure
Tale è la struttura della norma, che dovrebbe applicarsi a tutti i sistemi di gestione e permette un uso comune della terminologia, semplificando in questo modo l’implementazione e la certificazione di sistemi di gestione integrati.

Terminologia
I termini utilizzati sono elencati nella ISO 9000: 2015. Fatta eccezione per i nuovi termini “informazioni documentate” anziché “documenti”, “registrazioni” o “manuale qualità”, o “fornitori esterni” anziché “fornitori” non vi sono requisiti che impongano di sostituire i termini utilizzati da un’organizzazione con i termini che la nuova edizione della norma utilizza per specificare i requisiti del sistema di gestione per la qualità.

Informazioni documentate
Questo requisito è stato introdotto per favorire l’unificazione di tutti gli standard relativi ai sistemi di gestione. Laddove la ISO 9001:2008 utilizzava una specifica terminologia, come “documento” o “procedure documentate”, “manuale della qualità” o “piano della qualità” la presente edizione della norma definisce requisiti che prescrivono di “mantenere informazioni documentate”.
Non c’è nessun requisito che richieda il Manuale Qualità. Tuttavia un requisito di “mantenere” informazioni documentate” non esclude la possibilità che l’organizzazione possa anche avere l’esigenza di “conservare” le medesime informazioni documentate per un particolare scopo, per esempio al fine di conservare la precedente versione di dette informazioni.

Approccio per processi
La norma promuove l’adozione di un approccio per processi nello sviluppare, attuare e migliorare l’efficacia di un sistema di gestione per la qualità, al fine di accrescere la soddisfazione del cliente attraverso il soddisfacimento dei requisiti del cliente stesso. Il punto 4.4 comprende specifici requisiti considerati essenziali per l’adozione di un approccio per processi.

Risk-based thinking
I rischi e le opportunità derivanti dal contesto in cui opera l’organizzazione devono essere considerati nella progettazione del sistema di gestione qualità.
Ogni organizzazione deve pianificare azioni per affrontare i rischi, ma non vi sono requisiti che richiedano metodi formali per la gestione del rischio o un processo documentato di gestione del rischio.

Contesto dell’organizzazione
L’organizzazione deve determinare i fattori esterni e interni rilevanti per le sue finalità o indirizzi strategici e che influenzano la sua capacità di conseguire il risultato atteso per il proprio sistema di gestione per la qualità.
In tale contesto devono essere determinate le parti interessate ed i requisiti di tali parti interessate che sono rilevanti per il sistema di gestione per la qualità.

Scopo (campo di applicazione) del SGQ
Non vi è più la possibilità come nella precedente versione della norma di poter fare le esclusioni previste al punto 7 .
Tutti i requisiti della norma ISO 9001:2015 devono essere applicati, se applicabili, entro lo scopo (campo di applicazione). Il campo di applicazione del sistema di gestione per la qualità dell’organizzazione deve essere disponibile e mantenuto come informazione documentata. Esso deve dichiarare i tipi di prodotti e servizi coperti e fornire la giustificazione per ogni requisito della norma che l’organizzazione determina non applicabile al campo di applicazione del proprio sistema di gestione per la qualità.

Leadership
L’Alta Direzione deve dimostrare leadership e impegno nei riguardi del sistema di gestione per la qualità.
Responsabilità ed autorità per il mantenimento del sistema di gestione per la qualità non sono più assegnate al “rappresentante della direzione” ma sono a capo della direzione stessa.

Conoscenza organizzativa
La conoscenza organizzativa, introdotta dalla nuova norma, è la conoscenza specifica dell’organizzazione, maturata attraverso l’esperienza e deve essere mantenuta e messa a disposizione nella misura necessaria. Lo scopo di questo requisito è la prevenzione della perdita delle conoscenze attuali e lo stimolo all’organizzazione nell’acquisizione di ulteriori conoscenze.

Controllo dei processi prodotti e servizi affidati all’esterno
Nel nuovo standard sono stati introdotti, rispetto alla ISO 9001:2008, requisiti specifici per il controllo dei fornitori esterni ed i processi, prodotti, servizi affidati all’esterno. L’organizzazione deve tenere sotto controllo tutti i tipi di fornitura esterna di processi, prodotti e servizi come: l’acquisto da un fornitore, un accordo con una società collegata, processi affidati ad un fornitore esterno.
I controlli necessari alla fornitura esterna possono variare ampiamente in funzione della natura dei processi, prodotti e servizi. L’organizzazione può applicare il risk based thinking per determinare il tipo e l’estensione dei controlli appropriati a specifici fornitori esterni e ai processi, prodotti e servizi forniti dall’esterno.

TÜV Thüringen Italia raccomanda particolare attenzione nel valutare l’applicazione delle principali novità del nuovo standard ed in particolare alla: determinazione delle parti interessate rilevanti per l‘SGQ, al risk based thinking ed all’approccio per processi

 

Per ulteriori approfondimenti, visita le pagine dedicate dei gruppi di lavoro ISO 9001:2015  e ISO14001:2015.

Il nostro staff è a disposizione per qualsiasi chiarimento sulla nuova edizione della norma.

Comments are closed.

Corso Eguaglianza, 4 - 43044 Collecchio - PR - IT - 0039.0521.805715 - info[@]tuv-thuringen.it